Cerca

Da sempre musica

all time hits

Mese

ottobre 2015

Stranamore – Vecchioni

Sempre nell’ambito italiano non potevo non citare il mio autore preferito, un poeta talvolta controverso e criticato ma che in tanti anni non ha mai cambiato ciò che lo rendeva unico, da giovane era un professore qui a Milano dove mi trovo io, e nei suoi testi questo è assolutamente riconoscibile. Quella di oggi è una canzone vera che parla diretta al cuore di chi l’ascolta, parla della vita, della storia, dell’uomo. Un brano che riesce a commuovermi ogni volta che lo ascolto per la potenza delle sue parole e delle verità crude che racconta. Anche ai più scettici di voi propongo questo brano che per essere davvero apprezzato ha bisogno di essere ascoltato più di una volta, poi citando Manzoni “ai posteri l’ardua sentenza”.

Roberto Vecchioni – Stranamore (pure questo è amore)         Album: Calabuing, Stranamore e altri incidenti (1978)         Genere: Musica d’autore pop

“Ed il più grande conquistò nazione dopo nazione e quando fu di fronte al mare si sentì un coglione, perché più in là non si poteva conquistare niente, e tanta strada per vedere un sole disperato e sempre uguale, sempre come quando era partito”.

Annunci

Ciao Amore, ciao – Luigi Tenco

Personalmente tra le mie preferite nel repertorio italiano che stimo e difendo con tutta me stessa. Credo infatti che non si possa paragonare la musica anglosassone-statunitense a quella italiana perché sono due generi completamente diversi; nel primo è indiscutibilmente la sonorità e la musicalità che danno forza al brano, nel secondo è decisamente il testo. La musica italiana infatti, se pur poco in voga tra le nuove generazioni, è stata scolpita dalla forza dei testi, delle parole degli autori, spesso citate come vere e proprie poesie. Tenco a mio parere fa sicuramente parte del gruppo degli scultori in questo caso; Ciao Amore, ciao infatti è l’espressione massima di quelli che sono stati gli anni 60 in Italia: un periodo di transizione, di cambiamento, di evoluzione del paese, ma non solo, il cambiamento dei giovani, dei loro sogni e delle loro ambizioni.                 Un testo così lontano da noi eppur così attuale.

Luigi Tenco – Ciao amore, ciao              Album: Singolo inedito (1967)           Genere: Musica d’autore

La canzone fu presentata al Festival di Sanremo del 1967 ed è tristemente ricordata anche per lo scandalo del suicidio dell’autore avvenuto nella sua camera d’albergo durante il festival il 27 Gennaio.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑